CLICCA SU MI PIACE

Autorizzare una friggitoria con DIA



autorizzazione sanitaria per aprire una friggitoria da asporto

Aprire una Friggitoria

Gentile Dott.re Martino
Per la richiesta di autorizzazione di una friggitoria d’asporto, attraverso DIA sanitaria.
Asl mi ha richiesto una autocertificazione in cui io dichiaro che all’interno del mio locale non ci sarà la presenza contemporanea di 30 persone in sosta.
Saprebbe darmi delle delucidazioni in merito? Su questa disposizione.
Grazie Cordiali Saluti Valeria

Gentile Valeria
Innanzitutto tali disposizioni sono prettamente locali e cambiano nei contenuti anche da comune a comune. Con agli elementi che mi ha fornito, non posso capire in base a quali caratteristiche della sua attività, è stata limitata a soli 30 persone contemporaneamente (dimensioni sala, dimensioni cucina, numero di bagni per i clienti, ecc.).
Una attività artigianale d’asporto, non prevede la sosta, nè il servizio ai tavoli. In genere per la sosta con relativo servizio ai tavoli, è necessario, secondo le disposizioni di igiene locali, uno o due bagni per i clienti ed il requisito di possedere la licenza di somministrazione. Le attività artgianali d’asporto potrebbero (salvo diniego da parte del Comune perchè pretende che ci si adegui con licenza di somministrazione più i bagni per gli avventori) anche consentire il consumo su tavolini alti o “funghetti”con sgabelli o in piedi e senza servizio.

One Comment
  1. E’ assurdo chiedere un’autocertificazione di questo genere. Cosa dovrebbe fare se ci sono 32 avventori nel locale? Li manda via? Non si è mai visto. E’ la tipica forzatura di un sistema che fa acqua e che mette in diffcoltà chi vuole seguire le regole.
    Alba

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *