CLICCA SU MI PIACE

CHE DIFFERENZA C’E’ TRA CORSO SAB E CORSO OSA?



SALVE, CHE DIFFERENZA C’è TRA CORSO SAB E CORSO OSA? GRAZIE

Salve,

il corso SAB significa Somministrazione Alimenti e Bevande. 

Quasi sempre, ma erroneamente, viene chiamato anche corso REC o ex REC (Registro Esercenti Commercio) Abrogato dal Decreto Bersani.

Il corso OSA (Operatore Settore Alimentare), comunemente chiamato corso HACCP o corso ex libretto sanitario, è il corso individuale che ogni operatore del settore alimentare deve avere nel momento in cui inizia a lavorare in una azienda alimentare. Tale corso ha una durata che dipende da Regione a Regione. Ad es in Puglia dura 4 anni.

E’ possibile fare il corso HACCP interamente online ed avere in 24-48 ore l’attestato haccp Clicca su CORSO HACCP ONLINE

Il corso SAB (o corso rec ) è il requisito necessario per aprire una attività commercio alimentare (enoteche, frutta e verdura, alimentari, ecc.)  e/o somministrazione (bar, ristoranti, pub, birrerie, ecc.). D.lgs 114/1998 e D.lgs 59/2010. Tale requisito lo deve avere il titolare o uno dei soci o un preposto. Esso non scade mai.

Il corso sab si consegue presso associazioni di categoria ma a anche online. Purtroppo pochissime Regioni consentono la formazione online.

Per frequentare il corso sab online al 100% ed esame in sede clicca su corso rec on line

6 Comments
    • Gentile Sig. MAtteo,
      gli enti sono le associazioni di categoria organizzate con aule accrteditate o enti di formazione accreditati.
      Cerchi l’ente più vicino a Lei.
      Personalmente mi occupo sia di corsi in aula per la provincia di Lecce, sia di corsi sab online con esame in sede accreditata.
      Per info a riguardo mi può contattare via mail o telefonicamente. Saluti

  1. salve, ma per chi come me e’ in possesso di un diploma alberghiero…e vorrebbe aprire un attivita’ commerciale che prevede somministrazione di cibo e bevande…non ha bisogno di frequentare un corso Sab,giusto?

  2. salve:
    Chiedevo una informazione
    Ho aperto un panificio bar pasticceria
    Mi e stato contestato il laboratorio che sta a due metri dal negozio e mi dicono di imbustare il pane,
    chiedevo se cera qualche altra formula pur di evitare di imbustare il pane.
    Ce un androne del palazzo che mi divide il laboratorio e la vendita
    Grazie .

    • Gentile sig Raimondo,
      Secondo la Legge 4 luglio 1967, n. 580 non mi risulta che lei debba per forza imbustare il pane per portarlo (per giunta) nel suo negozio; tantè che tutti i panificatori vendono il pane agli altri rivenditori trasportandolo in appositi contenitori protetti dalla polvere ecc.
      l’imbustamento del pane è necessario solo per quello proveniente da surgelato.
      Avrà notato che il pane imbustato le trova solo nei supermercati con acquisto al libero servizio.
      Cerchi e legga la Legge sopra indicata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *