Quale documentazione serve per aprire una gelateria artigianale

per aprire una gelateria artigianalePrima di tutto informo chi NON occorre nessun corso specifico e non occorre iscriversi ad alcun corso di somministrazione o corso REC.

Bisogna costituire una ditta individuale o una società,

Bisogna arredare ed attrezzare un locale tipo Artigianale a norma igienico sanitaria asl,

presentare una DIA sanitaria in ASL per poter aprire,

Realizzare il manuale haccp tramite un consulente

Fare i corsi di formazione haccp per tutto il personale aziendale (ex Libretto sanitario)

ci sono i finanziamenti a fondo perduto al 50% di Microimpresa

This entry was posted in , . Bookmark the permalink.
11 Comments
  1. Buongiorno dott.Martino,
    sono in procinto di aprire una piccola gelateria da asporto in un piccolo laboratorio situato in un centro storico di una cittadina di circa 30.000 abitanti. Ho attivato tutte le procedure burocratiche per l’apertura e devo stipulare il contratto di affitto con il locatore che è urgente in quanto altri sono interessati ad affittarlo. Il mio questito è relativo all’autorizzazione igenico-sanitaria dalla ASL. In sostanza non mi è chiaro quali probabilità ci siano che dopo aver concluso la stipula del contratto di affitto non mi venga concessa l’autorizzazione dalla ASL. Indico le caratteristiche del locae: composto da una zona di vendita di circa 20mq, un piccolo disimpegno di 3mq e di una zona esterna di circa 10mq da adibire a deposito/magazino(staccata di circa 2mt dal primo locale).
    All’interno del secondo locale c’è anche un piccolo WC.
    Per il primo locale non credo ci siano problemi mentre ho dubbi sul secondo (magazino con annesso WC). All’interno c’è una finesta e potrei aggiungere una ventilazione forzata se necessario. Da notare che tale locale potrebbe essere adibito al solo stoccaggio del semilavorato in celle frigorifere mentre la mantecatura (unica operazione di produzione da eseguire in loco) la potrei eseguire direttamente nel primo locale se necessario in zina a vista dalla clientela. Potrei richiedere alla ASL di competenza un parere preventivo per evitare di affittare il negozio per poi non ricevere l’autorizzazione ma avrei bisogno di un suo parere prima perchè è molto importante sapere come comportarmi. Da considerare che il locale è in un centro storico e potrebbero essere concesse deroghe in caso di necessità. Per me è molto importante non perdere questo negozio.
    La ringrazio in anticipo per il suo interessamento/parere.

    • gentie Andrea,
      in effetti mi lascia perplesso sia il primo sia il secondo locale.
      il locale vendita dovrebbe essere separato da una zona laboratorio. Non so se autorizzeranno l’apertura della gelateria senza laboratorio.
      La zona bagno e deposito, trovandosi fuori, darebbero seri problemi per l’autorizzazione dell’attività. Il WC deve avere anche anti WC. (è il suo caso?) Se può risolvere con un corridoio coperto…
      Sinceramente l’attività è a forte rischio autorizzazione. Chieda un parere preventivo all’ASL. E’ l’unico modo per fuggire da ogni dubbio. Se ha tanta fretta, si presenti con una piantina del locale ed chiede un parere informale prima di chiedere quello ufficiale (ASL reparto SIAN)
      saluti
      Cesare Martino

  2. Salve Dottor Martino volevo chiederle se nel Lazio sono ancora disponibili i finanziamenti a fondo perduto? Lei opera anche nel Lazio eventualmente o potrebbe consigliarmi un collega in zona Frosinone? Grazie cordiali saluti
    Marco.

  3. Salve Dott. Martino,
    insieme ad un amico vorrei avviare una gelateria da asporto, si tratterebbe di un locale piccolo senza laboratorio, su strada. Avremmo pensato di farci fornire il gelato da un laboratorio di nostra conoscenza e giudicato di qualità. Secondo lei è possibile avviare questo tipo di attività, stipulare un contratto di fornitura del gelato dal laboratorio, se si quali licenze e adempimenti occorrono e quali procedure per verificarne la fattibilità?
    La ringrazio del tempo concessomi e la saluto cordialmente.
    Geronimo Grasso

    • Per il commercio di alimenti su aree pubbliche deve fare riferimento al ORDINANZA 3 aprile 2002
      Requisiti igienico-sanitari per il commercio dei prodotti alimentari sulle aree pubbliche. Nell’Ordinanza troverà moltissime informazioni utili in merito alle sue domande. Faccio presente che ogni Regione ha legiferato in materia; pertanto consiglio di fare riferimento alle normative regionali.

      Il commercio su aree pubbliche può essere svolto su posteggio dato in concessione o in forma itinerante.
      Il commercio su posteggio è soggetto ad autorizzazione mentre quello in forma itinerante è soggetto a Denuncia d’inizio d’attività.

      L’autorizzazione su posteggio abilita anche, nell’ambito del territorio regionale, all’attività in forma itinerante e nei posteggi occasionalmente liberi, nonchè alla partecipazione alle fiere che si svolgono sul territorio nazionale.
      La Denuncia inizio attività in forma itinerante abilita all’esercizio su tutto il territorio nazionale, alla vendita al domicilio del consumatore, nonchè nei locali ove questi si trovi per motivi di lavoro, studio, cura intrattenimento o svago. Consente inoltre l’esercizio dell’attività nelle fiere e nei posteggi dei mercati occasionalmente liberi nell’ambito del territorio nazionale.
      Per esercitare l’attività di commercio itinerante o di somministrazione di alimenti e bevande, sono necessari gli stessi requisiti professionali per le attività in sede fissa; ovvero aver suoerato con esito positivo il corso di somministrazione e/o
      commercio di alimenti.

      Come primo passo dovrete richiedere la licenza di vendita di alimenti su aree pubbliche presso il Comune.
      L’attività va autorizzata persso ASL e per conoscenza al Comune con DIA Sanitaria ai Sensi Del Reg. CE 852/04.
      Ad ogni modo, per sapare se può occupare una specifica area pubblica, deve fare richiesta al Comune. Presso il Comune conoscerà i requisiti necessari per insediare la sua attività.

    • Per il commercio di alimenti su aree pubbliche deve fare riferimento al ORDINANZA 3 aprile 2002
      Requisiti igienico-sanitari per il commercio dei prodotti alimentari sulle aree pubbliche. Nell’Ordinanza troverà moltissime informazioni utili in merito alle sue domande. Faccio presente che ogni Regione ha legiferato in materia; pertanto consiglio di fare riferimento alle normative regionali.

      Il commercio su aree pubbliche può essere svolto su posteggio dato in concessione o in forma itinerante.
      Il commercio su posteggio è soggetto ad autorizzazione mentre quello in forma itinerante è soggetto a Denuncia d’inizio d’attività.

      L’autorizzazione su posteggio abilita anche, nell’ambito del territorio regionale, all’attività in forma itinerante e nei posteggi occasionalmente liberi, nonchè alla partecipazione alle fiere che si svolgono sul territorio nazionale.
      La Denuncia inizio attività in forma itinerante abilita all’esercizio su tutto il territorio nazionale, alla vendita al domicilio del consumatore, nonchè nei locali ove questi si trovi per motivi di lavoro, studio, cura intrattenimento o svago. Consente inoltre l’esercizio dell’attività nelle fiere e nei posteggi dei mercati occasionalmente liberi nell’ambito del territorio nazionale.
      Per esercitare l’attività di commercio itinerante o di somministrazione di alimenti e bevande, sono necessari gli stessi requisiti professionali per le attività in sede fissa; ovvero aver superato con esito positivo il corso di somministrazione e/o
      commercio di alimenti.

      Come primo passo dovrete richiedere la licenza di vendita di alimenti su aree pubbliche presso il Comune.
      L’attività va autorizzata persso ASL e per conoscenza al Comune con DIA Sanitaria ai Sensi Del Reg. CE 852/04.
      Ad ogni modo, per sapare se può occupare una specifica area pubblica, deve fare richiesta al Comune. Presso il Comune conoscerà i requisiti necessari per insediare la sua attività.

  4. Salve Dott.Martino.
    Io vorrei comprare una gelateria gia eesistente.il gelato nn viene prodotto nella stessa ma comprato e rivenduto.nn ho esperienza nel settore alimentare, quindi nn ho nessun documento speciale.che documenti o permessi ci vogliono per poter aprire ?
    Grazie anticipatamente
    saluti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>