CLICCA SU MI PIACE

Cucina nella cantina con areazione forzata. Si può fare?



Buongiorno un’informazione: è possibile realizzare una cucina nella cantina del locale con areazione forzata ?
In questo momemento l’attività commerciale è un bar paninoteca .
Grazie

La realizzazione di una cucina nella cantina o in un piano interrato, prevede comunque la deroga da parte dello SPESAL dell’ASL. Il regolamento comunale NON deve prevedere l’esclusione dei locali interrati alla trasformazione a cucina.
Resta comunque quasi invalicabile il problema dell’areazione che, per le cucine, deve essere prevalentemente di tipo naturale.
L’altezza deve essere generalmente di ameno 3 mt, o comunque i requisiti minimi devono essere quelli imposti dal regolamento comunale di igiene.
Se vi sono deroghe nel suo comune e nel suo distretto asl, deve comunque accertarlo direttamente presso le autorità competenti

4 Comments
  1. buongiorno volevo un’informazione , per aprire una merenderia nella cantina da tenere aperta solo il fine settimana di che permessi ho bisogno ? grazie

    • Gentile Sig.ra Marisa,
      Una cantina può essere autorizzabile; ma prima occorre modificare l’impiantistica, dotare di bagni in numero adeguato e richiedere una nuova agibilità della cantina a locale artigianale o commerciale, Prima si informi da un tecnico che si occupi dell’agibilità e consulti l’asl di zona

  2. Buongiorno, sono di Novara. Sono alla ricerca di un locale con destinazione gastronomia e rosticceria in una zona ben precisa di dove abito e l’unico appoggio che ho trovato é un negozio che destinerei alla vendita con sopra l’appartamento che volevo destinare a cucina, bagno e magazzino. I due locali saranno serviti tra di loro da una scala e un montacarichi. Secondo lei l’Asl mi autorizza una organizzazione simile?
    In uno dei suoi consigli dice che le disposizioni dei locali e delle attrezzature deve consentire di organizzare il lavoro secondo il principio della marcia “tutto avanti” a partire dalla zona o punto di ricezione merci fino al punto di somministrazione, evitando il più possibile incroci tra cotto e crudo e tra pulito e sporco (contaminazione crociata)
    La mia organizzazione va in contrasto con quello che dice lei?
    Con ammirazione.

    • Gentile Sig. Giosuè
      sopra vuole produrre e sotto consentire il consumo? In teoria si potrebbe fare; ma mi pare più opportuno chiedere all’ASL di zona.
      il concette del “marcia in avanti” riguarda le fasi di lavorazione in cucina.
      Cordiali saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *