CLICCA SU MI PIACE

Dati sul turismo in Puglia per la stagione estiva 2009



vacanze

Vacanze nel Salento

Secondo l’Azienda di promozione turistica (Apt) di Lecce, il turismo salentino delll’estate 2009, ha retto bene alla crisi che sta investendo il settore (italiano e mondiale) , chiudendo la satgione con un +10,48% rispetto all’anno precedente; Risultato avutosi anche grazie alle politiche di destagionalizzazione attuato negli ultimi anni dall’assessorato Regionale al Turismo. Solo l’Emilia Romagna ha potuto sfoggiare le stesse cifre di crescita. L’indagine presentata dalla commissaria dell’Apt di Lecce, nel corso di una conferenza stampa, ci fa capire come l’industria salentina delle vacanze si riveli in controtendenza rispetto all’andamento nazionale.

Gli arrivi totali sono stati pari a 145.952 e superano infatti del 10,48 % quelli del 2008 (132.107). Anche il dato sulle presenze (384.037) ha fanno registrare un +7,4 per cento (357.590). La permanenza media complessiva (2,79 per cento) è in leggera diminuzione, passando da una media di 2,59 a 2,56 giorni per i turisti italiani e da una media di 3,24 a 3,01 giorni per gli stranieri. I turisti italiani, con l’84,2 per cento del totale degli arrivi rispetto agli stranieri, continuano a trainare il nostro turismo. Il 19,72% arrivi eil 21,14 presenze sono Pugliesi. Seguono i campani con il 9%, i laziali con l’8,28%, gli emiliani 6,98%, i lombardi (5,05%), la Germania (3,32%), la Francia (1,46%), Inghilterra (1,14%) Lecce, con 59.289 mila arrivi e 115.399 è al primo posto nel Salento in quanto a turismo. Ma è tutto il territorio ad essere attrattore turistico. Gallipoli è il secondo comune con 16.099 arrivi e 43.870 presenze; seguono nell’ordine Otranto, Ugento, Porto Cesareo, Nardò. Il 77 % dei turisti ha scelto di pernottare in albergo, mentre il restante 23 % ha preferito altre soluzioni. Il 18,8 % ha preferito agriturismo e affittacamere. Il 4,1 % i b&b, dove si registrano forti percentuali di aumento con +48,81 % arrivi e +108,84 presenze.

One Comment
  1. Un dato interessante…tuttavìa attualmente l’impressione è che ci sia una lieve flessione dovuta alla generale crisi economica… si spera finisca presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *