CLICCA SU MI PIACE

interpretazione del Dlgs. n° 193 del 24/11/2007



Con l’entrata in vigore del Dlgs n°193/2007 sono state abrogate una serie di leggi nazionali che hanno avuto origine dal recepimento di Direttive Europee che fino ad ora hanno “governato” in tema di H.A.C.C.P. (con l’ex Dlgs n°155/97) e di controlli ufficiali (con il D.lg. 123/93). Nel 2004 la Comunità Europea ha emanato i Reg. CE 852/04, in materia di sicurezza alimentare, e Rec CE 882/04 in tema di controlli ufficiali.

La “vecchia” Autorizzazione Sanitaria, è stata definitivamente messa da parte. Ora, secondo l’articolo 6 del Reg. CE n° 852/04, bisogna presentare la cosiddetta D.I.A. (Domanda di Inizio Attività) per tutte quelle situazioni che prevedevano l’autorizzazione sanitaria (apertura di attività, aggiunta o modifica di processi produttivi, ecc.).

Il Decreto 193 pone nuove importi e nuove regole in tema di sanzionamento.
Al comma 6 dell’art. 6 del D.lg. 193/07 si evince chiaramente che chi è completamente sprovvisto del manuale di autocontrollo HACCP, è punito con ammenda di 2000 Euro.
E’ punito con lo stesso imposto chi non predispone procedure in tema di tracciabilità e rintracciabilità degli alimenti).

N.B. Avere un manuale haccp non gestito, corrisponde sempre a 2000 euro. NON GESTITO vuol dire non compilare le schede di registrazione

 

manuale haccp online

3 Comments
  1. Il mio problema consiste nel fatto che un piccolo caseificio è attaccato alla mia abitazione e la lavorazione consiste nello sciogliere una notevole quantità di “PASTA” importata da non so dove per produrne poi provole e non so cos’altro.Loro dichiarano che non hanno ne canne fumarie ne depuratori in quanto non servono,intanto il laboratorio è posto in vicinanze di civili abitazioni ,di scuole parchi pubblici e via pedonale interessante dal punto di vista turistico.Ho chiesto chiarimenti ,è dicono di essere a posto con L’ hacpp.
    Cosa ne pensa?
    Grazie
    Pietro

    • Gentile Sig Pietro, cosa intende per “essere a posto con l’haccp”?.
      Se il caseificio è già attivo, vuol dire che è stato autorizzato così. se gli odori non sono molesti per i vicini, credo che non sia necessario alcun interventi fino a quando non ci sarà un esposto per gli odori enessi in atmosfera. Oggi, per autorizzare un caseificio probabilmente occorreranno le cappe aspiranti. io ho lavorato in un caseificio dove non vi erano cappe (anche se era in piena campagna). Un’altro mio cliente ha dovuto metterlo. Che dire a tal proposito? La norma viene applicata un pò come pare!

  2. Pingback: » MANUALE HACCP SEMPLIFICATO - Consulenza Alimentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *