CLICCA SU MI PIACE

Denominazione del pane proveniente da precotto e surgelato



pane precotto surgelato

pane precotto surgelato

Gentile Dr. Martino,
ho letto con piacere le sue utili informazioni postate sul suo sito…
La disturbo perchè avrei bisogno di avere un suo parere su l’ etichettatura di alcuni prodotti (pane e pizza precotta) che normalmente utilizziamo nei nostri punti vendita.
I prodotti sono prodotti da noi internamente seguendo il ciclo del freddo classico (impasto, formatura, lievitazione, precottura, abbattimento, surgelazione, cottura, vendita al dettaglio sfuso)
E sufficiente mettere sul cartello di vendita una frase del tipo ” prodotto sottoposto a cicli di congelamento” . E’ in grado di suggeririrmi altre frasi.
la ringrazio cordialmente R.S.

Gentile Sig.re, La normativa vuole che il pane proveniente da precotto e surgelato non solo sia venduto preconfezionato, etichettato a norma e tenuto in scomparti ben distinti dal restante pane, Legge 4 luglio 1967, n. 580, ma indichi “ottenuto da pane parzialmente cotto surgelato”. Secondo la normativa non può fregiarsi della denominazione di “Pane fresco” ( http://www.cesaremartino.it/fippa-un-bollino-bianco-per-il-vero-pane-fresco.php ) Attenzione alle denominazioni mendaci o alla omessa informazione. Per produrre il pane precotto e surgelato, qualora non vi abbia provveduto, occorre fare richiesta di produzione all’ASL mediante la DIA sanitaria

Per consulenza vedere i contatti ripostati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *