CLICCA SU MI PIACE

Permessi per aprire una braceria da asporto



permessi carne arrosto

Aprire una braceria da asporto

Buona sera, vorrei chiederle informazioni per quanto riguarda l’apertura di una braceria da sporto. Siamo seriamente interessati ad investire in un’attivitò del genere, la quale dovrà fungere da asporto carne e somministrazione bevande. Saprebbe darmi qualche informazione per quanto riguarda l’apertura, i permessi necessari da chiedere all’asl e i titoli che bisogna avere??

grazie infinite Sonia

Gentile Sig.ra Sonia,

 

Prima di aprire la braceria da asporto dovrà inoltre provvedere ai seguenti documenti.

Corso per somministrazione e commercio di alimenti e bevande (detto anche corso SAB o corso ex rec ). Tale coso si può fare sia in aula frequentando in aula  120-130 ore), più l’esame finale in sede.

E’ possibile frequentare la parte d’aula online con solo l’esame finale insede. I corsi sab online con esame in sede sono validi in tutta Italia, purchè la Scuola sia accreditata alla Provincia.  Su questo link è possibile avere maggiori informazioni sul corso rec online

 

Lei ed i suoi dipendenti dovrete frequentare  il corso haccp HACCP per ex libretto sanitario (anche haccp on line)

 

Lei dovrà provvedere ai corsi certificazioni per la sicurezza sul lavoro. Anche questi documenti possono essere acquisiti frequentando dei corsi sulla sicurezza online.

Necessiterà anche del manuale HACCP per braceria per ciò che concerne il rispetto dei parametri di sicurezza alimentare e per obbligatori.

Riguardo i requisiti strutturali e sanitari per una braceria da asporto, è necessario almeno un bagno con antibagno ad uso esclusivo del personale dipendente. Non è necessario avere anche il bagno per i clienti

Il laboratorio deve avere i muri con superficie lavabile fino almeno a due metri di altezza (meglio piastrelle chiare con angoli arrotondati). Occorre montare una cappa aspirante con eventuale abbattitore di fumi. Deve accertarsi se nel suo territorio è necessario avere anche una canna fumaria per l’allontanamento dei fumi oltre il tetto. Generalmente questo aspetto può ostacolare l’apertura di una braceria (come di una pizzeria, ristorante friggitoria e tutte quelle attività che necessitano di cappa aspirante)

L’attività a norma secondo ASL e regolamento comunale di igiene, una volta arredata ed ultimata, può iniziare a lavorare previa presentazione all’ASL della Domanda di Inizio Attività (ex Autorizzazione Sanitaria). Si Inforni presso SIAN (servizio igiene alimenti e nutrizione) e SIAV (che interessa anche il servizio veterinario).

 

39 Comments
  1. Gent.mo Dr. Martino, ho una pescheria e avrei intenzione di attivare una friggitoria di prodotti ittici all’aperto da asporto e in seguito con somministrazione all’aperto nell’area di pertinenza della pescheria. potrebbe gentilmente dirmi se è necessaria anche all’aperto la cappa di aspirazione e che tipo di autorizzazioni devo richiedere alla ASL? grazie mille

    • Gentile Sig. Delia,
      non credo che le farebbero installare una friggitoria all’aperto.
      Ad ogni modo una domanda così “particolare” la rivolgerei direttamente al SIAN presso ASL della sua zona

  2. Gentile dr.Martino, ho una pizzeria da asporto dotata di tavolini di cortesia, vorrei dotarmi di una piastra a gas per preparare carne alla griglia e una friggitric. per preparare patatine, calamari etc. Volevo sapere se per collegare la piastra alla bombola che metterei all’esterno ho bisogno di permessi o certificazioni particolari e idem per la cappa aspirafumi. Grazie

    • Gentile Sig. Steven,
      l’integrazione di attività prevede sempre una integrazione della SCIA sanitaria. Riguardo gli aspetti legati all’uso di bombole e cappe aspiranti ingaggi un ingegnere specializzato

  3. Salve io dispongo di un terreno 1700 mq pianeggiante fronte strada a 100 m dal paese e vorrei aprire un locale all’aperto tipo bar magari con qualche piatto composto con un piccolo palco per concerti o seratine.bisogna tener conto che non posso costruire mura e deve esser tutto amovibile.
    Di cosa devo disporre?

    • Gentile Sig. Giovanni
      La struttura dovrà essere accatastabile per poter esercitare e rispettare i requisiti di igiene previsti dal comune

  4. salve dott. io ho una macelleria in provincia di foggia e vorrei passarla a macelleria braceria siccome devo mettere un gazzebo all esterno di circa 18 mt quindi 35 posti a sedere avendo gia il requisito sab vorrei sapere come comportarmigrazie

    • Gentile Sig. Antonio,
      Per trasformare la macelleria in braceria, considerata la sosta, deve avere bagni a sufficienza per i clienti (2 per l’esattezza) più il suo.
      Deve richiedere il permesso di occupazione del suolo pubblico al comune e relativa licenza per la somministrazione con SCIA. Attrezzare una zona cottura con cappa aspirante e canna fumaria oltre il tetto.
      Quanto indicato certamente è da verificare con l’autorità competente di zona, ovvero l’ASL mediante un parere preventivo o mediante un consulto presso l’ufficio SIAN.
      Se le autorità competenti concordano col suo progetto, dovrà presentare nuovamente una DIA sanitaria

  5. buongiorno dott. avrei bisogno di una informazione ,avendo gia un’attivita commerciale di cui si tratta di una macelleria con gia in possesso di hccp avrei intenzione di spostarmi in un’altro locale e andare a creare una macelleria /braceria con vini bevande acqua coca cola aranciata ecc.. posti a sedere e asporto con caminetto con cappa aspirazione o canna fumaria ,vorrei sapere se ci sono altri attestati da prendere o vanno bene quelli che ho sarebbe attestati per alimenti e bevande?grazie

    • Gentile SIg. Antonio,
      Col requisito unico del SAB (somministrazione alimenti e bevande) non necessita di altri requisiti per fare anche la somministrazione

  6. Buongiorno vorrei aprirmi una braceria e spaghetteria mi può dare tutte le informazioni per poterla aprire….sia come documenti e sia come caratteristiche

  7. salve dottore.
    io ho trovato un negozio 44mq che e un ex meccelleria che ormai e chiusa da avviare come nuova licenza..! che dispone di cella fregorifera e i lavori sono tutti da fare…!
    lunico mio dubbio e che il bagno del personale si trova nel cortile.
    secondo lei e fattibile potrebbero essereci dei problemi per il bagno.?
    grazie.

  8. Buongiorno visto la nostra esperienza nella carne vorremmo aprire una macelleria braceria , volevo sapere se l attività si può svolgere nello stesso locale senza dividere il locale , oppure in che maniera deve essere svolto .p.s si parla di una struttura nuova costruzione , destinata proprio per questo. Grazie

    • Gentile Sig Stefano,
      a mio avviso l’attività di cottura và separata (con probabile nuova agibilità) da quella di preparazione carni.
      In caso non volesse optare per questa soluzione, chieda in ASL un PARERE PREVENTIVO per sapere se potrebbe essere autorizzato per la cottura nello stesso vano

  9. salve. dott. Martino
    avrei in mente di aprire un bbq all’aperto in maniera rustica con.tutti i confort in zona pip ho a disposizione 200 m e possibile realizzare?
    che documenti occorono.

  10. EGR. DOTT.MARTINO IO VORREI APRIRE UNA BRACERIA DI CIRCA 60 MQ CON 50 POSTI A SEDERE ALL’INTERNO E ALTRI 60 MQ CIRCA ALL’ESTERNO,VORREI SAPERE CHE DOCUMENTAZIONE SERVE E SE DEVO FARE IL CORSO PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE. IN ATTESA DI UNA SUA RISPOSTA LE PORGO I MIEI PIU’ DISTINTI SALUTI

    • gentile sig. Marco, per produrre pasti per 110 persone in totale, deve avere un vano cucina sufficientemente ampio e che sia superiore a 20 mq. deve avere almeno un bagno per i dipendenti ed almeno 2 bagni per i clienti. Considerato che generalmente occorrono 1,2 mq per cliente. Faccia i conti Lei di quanti posti possono entrare nella sua sala interna. Se non è in possesso dell’attestatto sab, allora è necessario che se lo procuri prima di aprire. Può frequentare un comodo e sicuro corso sab online con esame in sede cliccando su corso sab online

  11. Buongiorno, vorrei aprire un locale bar griglieria, vorrei sapere se e’ possibile cucinare alla piastra carne e verdureanche se la cucina non raggiunge le dimensioni di 20mq ovviamente con cappa aspirante e tutto il necessario a norma

    • Salve, Generalmente 20 mq sono il minino richiesto per la cucina di un ristorante. Per una attività come una girglieria, le dimensioni minime sono inferiori a 20 mq. E’ tuttavia sempre consigliabile consultare prima l’ASL o un tecnico di zona che conosce le disposizioni in merito.

  12. salve dottore volevo sapere qualche informazione,sono titolare e proprietario di una macelleria di circa 45 mq avevo pensato di trasformarla in macelleria e braceria d asporto perche nelle mie zone(prov di napoli)non ce ne sono perche ho 27 anni e vorrei rinnovare locale e lavoro..Come potrei fare quali sono i requisiti?oppure avevo pensato di acquisire un attivita’ di paninoteca gia formata perche’questi negozi avendo gia’ la canna fumaria e piastre per panini credo sarebbe molto piu facile trasformarla in braceria per vie di licenze e tutto il resto giusto??grazie mille

  13. SALVE,
    VORREI APRIRE UNA BRACERIA DA ASPORTO A LECCE. SONO GIà TITOLARE DI UNA CAFFETTERIA E QUINDI DI LICENZA DI SOMMINISTRAZIONE. IL LOCALE CHE HO VISTO HA UN’ AGIBILITà ARTIGIANALE-COMMERCIALE ED è DOTATO DI UN SOLO BAGNO CON ANTIBAGNO. COSA MI OCCORRE ANCORA? IN CHE MODO POSSO SERVIRE LE BEVANDE?

  14. Salve dott. Martino, vorrei chiederle informazioni circa la documentazione e le norme da rispettare per aprire un agriturismo.
    In particolare, è necessario frequentare un corso SAB O REC per cucinare ( non ho esperienza se non anni da casalinga!)?
    Si tratterebbe di un agriturismo a conduzione familiare tutti i miei figli devono possedere un certificato HACCP? Potrei utilizzare dei pannelli coibendati (es. quelli per le celle frigorifere) per fare dei muri in cucina (dato che hanno una superficie liscia facilmente lavabile e non assorbente)? Anche per gli agriturismi è necessario redigere il manuale HACCP?
    La ringrazio per l’attenzione, saluti.

  15. egr. dr. martino, io vorrei aprire una braceria all’aperto in citta’, vorrei sapere cosa occorre e se a termini legali e’ fattibile. in attesa di una sua risposta colgo l’occasione per porgerle i miei piu’ distinti saluti.

    • Gentile Sig. Carmelo,
      In termini legali si possono fare molte cose. A cosa si riferisce coi termini legali?

  16. Gentilissimo Dottore,
    ho intenzione di aprire una braceria nella prov di Lecce.
    Ho pensato di non servire il pasto al tavolo ma offrire un servizio self service in cui il cliente ordina al banco il prodotto e può consumarlo ai tavoli che metto a disposizione all’esterno. di cosa ho bisogno? la ringrazio

    • Gentile Sig Stefano,

      Per aprire una braceria, non le occorre la licenza di somministrazione nè il il corso di somministrazione (ex rec); Tale corso diventa necessario se vuole vendere le bevande in confezione originale (nè versare in bicchiere, nè alla spina). Il locale deve avere l’agibilità di tipo artigianale e deve essere a norma sanitaria. Quando il locale è pronto ed arredato, và comunicata all’asl di zona l’apertura mediante DIA sanitari.
      Al momento dll’apertura occorre che tutto il personale abbia l’attestato haccp (ex libretto sanitario), manuale HACCP, documentazione e corsi in tema di sicurezza sul lavoro, contratti di somaltimento di eventuali olii di frittura prodotti e dei filtri a carboni attivi.
      Le attività per asporto non necessitano del bagno per i clienti; tuttavia il consumo in loco, anche senza servizio ai tavoli, potrebbe essere ostacolata dalla vigilanza urbana, in assenza di licenza di sommnistrazione ed in assenza di bagni per i clienti (2 bagni/handicappati). Il modo per poter effettuare più tranquillamente il consumo in loco senza bagni, è quella di dotare la zona esterna con piani di appoggio alti e possibilmente senza sedie. Considerato che il tutto viene valutato dall’amministrazione comunale, Le suggerisco di approfondire tale argomento direttamento all’ufficio attività produttive del Comune interessato.

  17. Gentile Dottm Martino,
    Vorrei aprire una attivita’ di braceria/barbecue in Abruzzo, con circa 50 coperti. quali documenti devo produrre (sanitari, sicurezza,formazione) per iniziare l’attivita’ e le caratteristiche tecniche del locale e della cucina. Il mio intento e’ quello di poter cucinare sia in cucina che all’aperto.

    Grazie

    • Gentile Leonardo,
      per aprire una braceria con somministrazione, Le occorre il corso sab o corso ex rec per la somministrazione di alimenti e bevande; oppure aver maturato 2 anni di lavoro dichiarato negli ultimi 5.
      Il locale deve avere agibilità artigianale e rispettare i requisiti minimi di igiene previsti nel regolamento comunale di igiene e quelli contenuti nel DPR 327/80 e REG CE 852/04. Occorre avere una cappa aspirante con emissione in atmosfera mediante canna fumaria ed eventualmente con abbattitore di fumi. Chiedere sempre all’asl di zona.
      L’apertura di una attività di somministrazione avviene mediante comunicazione all’ASL e/o Comune mediante DIA sanitaria. La licenza di somministrazione è stata definitivamente liberalizzata dal Decreto Monti. Per esercitare basta presentare al Comune una SCIA (segnalazione Certificata di Inizio Attività) mediante commercialista in quanto generalmente avviene per via telematica. I requisiti di sicurezza prevedono attrezzature anti incendio, oltre a tutti i corsi di formazione per RLS RSPP, aantincendio e primo soccorso, olttre al documento di valutazione rischi (DVR) ed alle visite mediche del personale dipendente. Rimangono i corsi haccp per la manipolazione degli alimenti da parte di tutto il personale ed il manuale haccp di autocontrollo.
      Naturalmente non è tutto quì. La burocrazia è tanta e variegata, e il più delle volte cambia da Regione, Provincia e Comune.

  18. Gentile Dott Martino
    Vorremo aprire un laboratorio per sandwich delivery food in Milano. Oltre ad sandwich venderemo anche alcune insalate e bevande (anche alcoliche come vino e birra). Le farciture saranno tutte a freddo (almeno di pochi casi) ma praticamente non c’è quasi niente da cucinare. Sarebbe così cortese da elencarmi quali sono i documenti ed i permessi da produrre e se è indispensabile la canna fumaria? I corsi li devono fare tutti i dipendenti (3 persone) o solo il titolare?
    Grazie

    • Gentile sig Stefano,
      l’attività di solo riscaldamento non necessita di cappa aspirante. Per il commercio di alimenti deve fare il corso di somministrazione/commercio di alimenti e bevande presso associazione di categoria Vedere es. Link corso spab
      Tutto il personale deve avere frequentato i corsi haccp

  19. Salve,
    mi chiamo Elio ho 28 anni e, vorrei sapere cosa fare per usufruire dei finanziamenti a fondo perduto perchè vorrei aprire un’attività a di pizzeria-rosticceria a Roma. Nonostante abbia l’esperienza più che decennale, nel campo della ristorazione, ed un’attività già avviata in sicilia.
    Grazie!

    • Gentile sig Elio,
      Per aspirare ai finanziamenti europei di Invitalia deve presentare domanda tramite consulente in finanza agevolata.
      Se è già in attività, quindi risulta occupato, può comunque rientrare nella società con un disoccupato che ha esperienza di ristorazione

  20. ho una pizzeria da circa 25 anni, adesso vorrei darla in gestione per motivi di salute.
    Dal punto di vista sanitario, bisogna fare qualcosa oppure fare solo la voltura di registrazione.
    La pizzeria si trova nella regione in Basilicata.
    grazie ed in attesa porge distinti saluti
    gaetano

  21. dispongo di un locale di 75 mq e vorrei avviare una attivita’ di bar connesso a braceria e vorrei essere informato sulle dimensioni dell’angolo cottura e poiche’ non supera i 50 posti tavolo se posso fare un unico servizio igienico per i clienti e uno separato per il personale…

    • Gentile Sig. Domenico,
      Se vuole aprire una attività di ristorazione con produzione di carne grigliata per 50 utenti, deve avere a disposizione una cucina che generalmente (secondo i dati medi riscontrati disposti dalle SAL delle varie Regioni) deve essere di circa 20 metri quadrati, più eventuale dispensa. Per attività di ristorazione, salvo particolari deroghe per i centri storici, generalmente sarebbero necessari almeno due bagni distinti per sesso di cui uno adattato per handicappati. Bisogna considerare anche i bagni per il personale che potrebbero essere anche due e distinti per sesso. Naturalmente queste informazioni devono essere verificate presso ASL di Zona (reparto SIAN

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *