CLICCA SU MI PIACE

quali sono gli effetti dovuti alla presenza di nitriti nelle verdure a foglia larga?



nirtiti nelle verdure

presenza di nitrati delle verdure a foglia larga

Le verdure a foglia larga (bietole, spinaci, lattuga e simili) sono gli
alimenti con la maggior concentrazione di nitrati (fino a 2.700 mg
per kg di prodotto). ll tenore aumenta, quando sono coltivati in serra
o in condizioni di ridotta illuminazione. Lo ione nitrato è innocuo,
ma diventa pericoloso quando si trasforma in nitrito per intervento della nitrato reduttasi, enzima presente nelle piante, nei batteri, nella mucosa intestinale, nel fegato, nella microflora della bocca. La conversione è facilitata anche da un’inappropriata conservazione
delle verdure cotte o dalla loro omogeneizzazione. Nei bambini
l’eccessiva assunzione di nitriti provoca la metaemoglobinemia,
con conseguente riduzione delI’apporto di ossigeno al corpo E
(“Sindrome del bambino blu”). Il rischio aumenta nei soggetti con
infezioni gastrointestinali. ll Contam Panel (Panel on Contaminants
in the Food Chain) di EFSA ha incrociato i risultati di 45.000 analisi
condotte sui vegetali con i dati di assunzione di frutta e ortaggi da
parte dei bambini che vivono in 13 Stati Ue. Il consumo di lattuga e
di spinaci equivalgono rispettivamente al 3,7% e al 2,8%. Gli spinaci
sono somministrati soprattutto ai bambini più piccoli. I livelli di nitrati
rilevati nella lattuga non destano preoccupazioni, non si puo invece
escludere un rischio nei bambini sotto i tre anni che consumino più
di 200g al giorno di spinaci. Su 45.000 risultati analitici disponibili,
solo l’1 % dei campioni di lattuga e il 5% dei campioni di spinaci
hanno superato i livelli massimi di nitrati stabiliti dal Reg. (CE)
n.1881 /2008, pertanto EFSA suggerisce di lasciare invariato il
limite perla lattuga e di portare a 3.500 mg/kg il limite negli spinaci.
L’introduzione di questo nuovo limite massimo ridurrebbe il rischio
d’ esposizione dei bambini anche nei Paesi del Nord Europa, dove
sono ammesse deroghe in ragione della coltivazione in condizioni di
minore luce solare.

One Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *