CLICCA SU MI PIACE

Sanificazione con Ozono. Quali vantaggi?



usare ozono per igienizzare

disinfettare e igienizzare con ozono

SANIFICAZIONE SENZA RESIDUI CHIMICI: L’OZONO

 

L’igiene è sicuramente un requisito di prim’ordine tanto per ciò che concerne gli ambienti nell’industria alimentare quanto nella ristorazione. La qualità degli alimenti deve essere preservata, a livello igienico-sanitario, tramite delle attività che hanno lo scopo di garantire sia la sicurezza del cibo (trasformato e non) che la correttezza delle procedure con le quali questo cibo viene manipolato (preparazione, confezionamento e conservazione).

Secondo la normativa HACCP vigente (Reg. CE 852/2004), gli operatori sono obbligati ad assicurare in modo ottimale la pulizia e l’igiene degli ambienti (locali e piani di lavoro).

Le leggi a riguardo danno indicazioni sui valori minimi di carica microbica mesofila tollerabili, superati i quali scattano sanzioni amministrative di importo non indifferente fino ad arrivare alla chiusura dell’attività commerciale da parte delle forze dell’ordine preposte.

I classici trattamenti utilizzati per la sanificazione degli ambienti sono prodotti chimici a base di cloro (prevalentemente), mentre per la loro deodorazione vengono in genere impiegati dei prodotti chimici profumanti con la sola funzione di coprire i cattivi odori. Per quanto possano essere sicuramente efficaci, spesso comunque risultano essere insufficienti poiché dove l’operatore e il prodotto chimico non riescono ad arrivare è facile che si abbia una maggiore proliferazione di cariche microbiche (batteri, virus, spore, muffe, etc…), portando l’ambiente a diventare fonte di odori sgradevoli nonché riserva di nutrimento per acari, formiche, blatte, etc. Oltretutto detergenti, disinfettanti e deodoranti lasciano residui chimici che per lo più sono nocivi.

Sulla base di questi dati, la ricerca di tecnologie innovative per la sanificazione degli ambienti e l’abbattimento della carica microbica è andata a cercare soluzioni idonee a rispondere a queste esigenze. Tra i candidati migliori a soddisfare questi requisiti troviamo l’ozono (O3).

L’ozono è un gas incolore, con un caratteristico odore pungente, formato da tre atomi di ossigeno ed è un componente naturale dell’atmosfera terrestre. Si trova inoltre nella parte superiore della stratosfera e ad elevate altitudini, svolgendo un’azione protettiva dalle radiazioni ultraviolette solari.

La caratteristica fondamentale dell’ozono è di essere un gas instabile e per questo non può essere immagazzinato ma va prodotto al momento dell’utilizzo grazie a delle macchine che producono ozono. L’Ozono possiede un elevato potere ossidante, tale da essere adatto ad eliminare diversi generi di microrganismi provocandone la morte per lisi cellulare poiché ne perfora la membrana cellulare che li riveste. Diversi esperimenti hanno constatato che l’utilizzo costante di ozono sulle superfici di lavoro riduce drasticamente, fino al 99.9%, la presenza di patogeni molto resistenti come Salmonella spp, E. coli, Listeria monocytogenes e tanti altri.

Un’altra proprietà fondamentale dell’ozono è che ha un’energica azione disinfettante, garantendo un controllo se non la neutralizzazione della gran parte degli agenti inquinanti presenti nell’aria come microbi, polveri sottili, gas, muffe, spore, etc., veicolati nei locali di lavoro tramite gli impianti di condizionamento e di areazione.

Inoltre è in grado di degradare composti organici complessi non biodegradabili, come i cattivi odori, poiché i tre atomi di ozono si legano a queste molecole e una volta che l’ozono si scompone, elimina completamente le sostanze odorose.

La maggiore peculiarità dell’ozono è soprattutto la sua capacità di riconvertirsi in breve tempo (circa 20 minuti) in ossigeno senza lasciare residui, quindi è assolutamente sicuro non viene richiesto alcun trattamento per eliminarne la presenza prima di riprendere i lavori.

Per concludere, l’ozono può essere considerato un efficace agente disinfettante per migliorare la qualità dell’aria, soddisfacendo quindi le condizioni ideali in ambito di sanificazione degli ambienti.

Ringrazio la Dr.ssa Monica Martino per il suo interessante ed utile articolo

One Comment
  1. Grazie per l’articolo. Mi sto appunto informando per la pulizia con l’ozono per il bar che prenderò in gestione prossimamente.
    Ho letto che in poco tempo è possibile distruggere i vari virus e mi sembra la soluzione migliore per partire sicura di avere un locale sanificato e pulito!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *