CLICCA SU MI PIACE

è possibile vendere dolci casalinghi alle pizzerie e ristoranti Piemontesi-Lombardi?



Vendere torte

Vendere torte

DOMANDA: Le scrivo per aver qualche consiglio per un ‘attività che vorrei avviare. Io e mia nipote vorremmo fare e vendere dolci casalinghi alle pizzerie e ristoranti Piemontesi-Lombardi.

Non abbiamo grandi possibilità economiche, non possiamo di certo aprire un laboratorio per fare i dolci, quindi le chiedo cosa si possa fare a livello casalingo.


Gentile Sig.ra, L’unica risposta che Le posso dare, purtroppo per Lei, è NO.

Le produzioni di tipo casalingo non possono essere gestite come le gestirebbe un’attività alimentare in piena regola. La sanzione economica sarebbe di 3.000 euro ai sendi del D.lgs 193/07 più vari ed eventuali altri provvedimenti.

Occorre aprire una azienda alimentare in piena regola come previsto dal Reg. CE n. 852/04.

Consulenza perAprire imprese alimenateri

Dott. Cesare Martino 329.3512283

CONSULENTE HACCP E FORMAZIONE EX LIBRETTO SANITARIO, MANUALE RISCHIO DA LEGIONELLA NEI SEGUENTI COMUNI Acaia, Acquarica del capo, Acquarica di lecce, Alessano, Alezio, Alliste, Andrano, Aradeo, Arnesano, Bagnolo del salento, Barbarano del capo, Boncore, Borgagne, Botrugno, Calimera, Campi salentina, Cannole, Caprarica di lecce, Carmiano, Carpignano salentino, Casamassella, Casarano, Castiglione, Castri di lecce, Castrignano dì, greci, Castrignano del capo, Castro, Castro marina, Castromediano, Cavallino, Cerfignano, Chiesanuova, Cocumola, Collemeto, Collepasso, Copertino, Corigliano d'otranto, Corsano, Cursi, Cutrofiano, Depressa, Diso, Felline, Frigole, Gagliano del capo, Galatina, Galatone, Gallipoli, Galugnano, Gemini, Giuggianello, Giuliano di lecce, Giurdignano, Guagnano, Lecce, Lequile, Leverano, Lido conchiglie, Lizzanello, Lucugnano, Magliano, Maglie, Marina di leuca, Marittima, Martano, Martignano, Matino, Melendugno, Melissano, Melpignano, Merine, Miggiano, Minervino di lecce, Monteroni di lecce, Montesano salentino, Montesardo, Morciano di leuca, Muro leccese, Nardì, Neviano, Nociglia, Noha, Novoli, Ortelle, Otranto, Palmariggi, Parabita, Patù, Pisignano, Poggiardo, Porto cesareo, Prisicce, Racale, Ruffano, Ruggiano, Salice salentino, Salve, San cassiano di lecce, San cesario di lecce, San dana, San donato di lecce, San foca, San pietro in lama, San simone, Sanarica, Sannicola, Santa caterina, Santa cesarea terme, Santa chiara di nardì, Santa maria al bagno, Scorrano, Secli, Serrano, Sogliano cavour, Soleto, Specchia, Specchia gallone, Spongano, Squinzano, Sternatia, StrudZSupersano, Surano, Surbo, Taurisano, Taviano, Tiggiano, Torre cesarea, Torre dell'orso, Torre lapillo, Torrepaduli, Trepuzzi, Tricase, Tricase porto, Tuglie, Ugento, Uggiano la chiesa, Vanze, Vaste, Veglie, Vernole, Vignacastrisi, Villa baldassarri, Villa convento, Vitigliano, Zollino, Presicce
4 Comments
  1. SALVE IO HO SENTITO X TELEVISIONE SU DI UN PROGRAMMA CHE C’ E’ UNA RAGAZZA CHE E’ RIUSCITA A VENDERE DOLCI DI SUA PRODUZIONE CASALINGA A RISTORANTI??? COME E’ POSSIBILE SE LEI DICE DI NO ?? NON PENSO SIA UNA COSA NON REGOLARE SE NO LEI NON SI SAREBBE FATTA PUBBLICITA IN TV

  2. Colgo l’occasione per prle una domanda inerente all’argomento.
    Se invece si volessero vendere dolci per i privati, come famiglie che vogliono organizzare festeggiamenti?
    Sarebbe possibile creare una attività del genere(magari publicizzandola) o saremmo sogetti a sanzioni?

    Grazie mille

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *